Archivi per giugno 2006

4passi sulla terra

29 giugno 2006

4passi sulla Terra

Sono passati 20 anni da quando sono andato via e ho lasciato la mia famiglia da sola.
Li ho visti piangere tante volte, e molte più volte trattenere le lacrime. Mancano anche a me, tutti quanti. Quest’anno il giorno dell’anniversario della mia morte è passato senza un accenno, nessuno ha fatto il mio nome, nessuno ha parlato di me: non era necessario, perchè io ho ascoltato bene il loro silenzio.

Ciascuno dei miei familiari è alle prese con la sua vita. Lasciano che i giorni passino. Papà è un calendario arrivato già ad ottobre; mio fratello grande è in acque stagnanti; mio fratello piccolo vive di corsa; mia sorella ride amaro; mia mamma lotta, e non ha pace.

La mia foto è lì da 20 anni, le mie ossa sono all’ombra di fiori candidi, la mia voce è in una musicassetta, il mio amore è in tutti loro, che camminano e camminano, finchè non troveranno la strada che porta al luogo dove io mio trovo di solito. Sì, di solito, perchè ogni tanto torno a visitarli, e faccio loro compagnia.
Come adesso. Verrò ogni tanto. Forse mi leggeranno, ma non credo: non glielo dirò mai.

Uno

28 giugno 2006

Uno

Primo post: ci si aspetta che sia originale… beh, questo non lo è.
E’ scritto sottovoce, e va letto ad occhi chiusi.

A come Adamo è (molto) poco, sarà (forse) di più: è una mente dentro 4 mura; un urlo senza suono; un gatto che dorme; un carrello della spesa; una sequenza di numeri.
A come Adamo è un nome che spinge a facili battute; un infinito susseguirsi di tanti inizi; una pianta che vive con 2 gocce d’acqua; un libro di cui non leggeremo mai l’ultima pagina.
A come Adamo è per chi lo legge; per chi non sa che esiste nè mai lo saprà; per chi ci capita per sbaglio e non ci torna più; ed è per me, che son tutto per me.

Bad Behavior has blocked 169 access attempts in the last 7 days.

Chiudi
Invia e-mail
Usiamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione nel nostro sito web.
Ok