Affogato in una pozza di muffin

11 novembre 2008

Dal momento che stamattina i miei capelli mi ricordavano Diana Est, ho deciso di uscire. Il nesso logico c’è, se ci pensate bene. Però se non ne trovate nessuno è un punto a vostro favore (adoro parlare come se avessi più lettori di Donna Moderna).

La nebbia qui stamattina mi faceva sentire come nell’apparecchio dell’aerosol, per cui mi sono infilato nel primo negozio alla mia destra (la farmacia non vale dunque il secondo negozio) che è una panetteria nella quale la commessa cambia ogni giorno per qualche strategia di marketing a me ignota. Ho scelto un muffin ed il pane alla segale. Ora se volete vi faccio una tesina sulle proprietà del pane alla segale, che sembra un saccottino del mulino bianco bruciato ma in realtà è il primo alimento che non distingui quando esce da quando entra.

E’ IL TERZO PARAGRAFO ED ANCORA QUESTO POST NON FA RIDERE! ALLARME!!!

Dunque, è il momento di giustificare il titolo del post. Sapete, io scrivo prima il titolo e poi penso a come riempire 20 righe. La mia mente è contorta tuttavia di questa cosa io mi compiaccio e perciò ho preso il mio gonfio muffin e ci ho affondato la testa. Poi ho mosso gli occhi a destra e a sinistra, ho visto che nessuno mi osservava e ho morso il momento più dolce della mia giornata, immergendomi ad occhi chiusi in un mare di saccarosio.

ADAMO PARLI SEMPRE DELLE STESSE COSE LA GENTE SI STUFA VUOLE POST PIU’ BELLI COME BLOGGER FAI PENA PUOI FARE MEGLIO E CHE DIAMINE

Quando ho riaperto gli occhi un bambino mi indicava col dito così come quelle degli annunci su Rai1 e la mamma mi ha guardato con una disapprovazione che si riserva solo ai gatti quando ti graffiano il divano. Ho notato che la mamma aveva i capelli più belli dei miei, perciò di certo aveva ragione lei.

FINISCE QUI?

Sì finisce qui. Sentite ci sono un sacco di post meravigliosissimi nell’archivio guardate che pure Steven Spielberg non azzecca tutti i film però almeno lui sullo scaffale c’ha gli Oscar mica le bollette del gas come me!

Tags:

13 Commenti a “Affogato in una pozza di muffin”

  1. joshuavox Scrive:

    Mmm direi che questo è venuto bene :D

  2. simple Scrive:

    e nemmeno i compiti da correggere da una settimana, come me…
    :)

  3. Mitì Scrive:

    A me questo post è piaciuto tantissimissimo, ecco. :-**

  4. fenice sul mare Scrive:

    preferisco il pane di segale al muffin

    [dieta, ferrea, dieta]

    mi piacerebbe però vedere come sono questi strani capelli..

  5. S.B. Scrive:

    Giusto! Un oscar anche ad Adamo!!

  6. adamo Scrive:

    un oscar a me! a me! :) (poi faccio i ringraziamenti dal palco alle sarte e alle truccatrici ovviamente)

  7. Pia Scrive:

    Ma che dici? Io ho riso un sacco per questo post, bellissimo immaginarti con la testa immersa in un delizioso muffin! ;-)

    P.S: Lo so che interessa poco ma sono tornata a leggere e a scrivere, la febbre mi ha fatto tornare voglia di blog. :-)

  8. Hoshimem Scrive:

    Io inizio a ridere già quando leggo i titoli dei post :P

  9. meemmow Scrive:

    Uno dei tuoi migliori post, indiscutibilmente :D

  10. P!nkinside Scrive:

    Io ho iniziato a ridere a “Donna Moderna”

  11. fannullone Scrive:

    Accidenti. Adesso ucciderei per un muffin. M’hai fatto prendere la voglia.

  12. adamo Scrive:

    grazie voi mi date più carica del pocket coffee!!!!

  13. Isabella Scrive:

    ahahahah! Ma sei fantastico!!! XD

Lascia un Commento

Bad Behavior has blocked 869 access attempts in the last 7 days.

Chiudi
Invia e-mail
Usiamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione nel nostro sito web.
Ok