dove sei?

22 luglio 2008

Puzzava, e poi c’era sempre quello scaffale vuoto. Tutti gli altri erano zeppi di scatoloni ma questo invece era vuoto. La polvere.  Era vuoto da sempre, per quel che ne sapeva lui.

La lampadina si spense.

dov’è l’interruttore? dov’è?” - un suono dal pavimento - “che è questo rumore?” - ancora - “ehi, sei ancora lì? eh?” - non c’era - “ehi!!!!” - non c’era - “che è questo rumore?” - il suono si fece più intenso, si voltò, sbiancò,
la porta
dov’è la porta
la porta
si chiude
quel suono
ehi!
ci sei? ci sei? ci sei.

Inciampò. C’era un buco nel pavimento. Tanti scarafaggi, enormi, veloci, famelici. Non poteva vederli, ma poteva sentirli. Lo circondavano. “aprimi!!! dove sei?“. Più vicini, più veloci, più numerosi. Maledetto buco. Maledetto scaffale.

dove sei? dove sei? dove sei…“.

Tags: , , , , ,

5 Commenti a “dove sei?”

  1. adamo Scrive:

    uff nessun commento

  2. adriana Scrive:

    eh che lo scarrafone fa schifio!!!

  3. Ra Scrive:

    E’ un post difficile da commentare, sai adamuzzo?
    Sarebbe da averci i raggi x per passarti la materia grigia da parte a parte e vedere cosa c’è dentro, a volte.
    Bacio :) -Ra-

  4. Hey! Scrive:

    Gli scaffali vuoti, quelli senza ricordi che li riempiono, senza pezzi da inscatolare. Purtroppo tornano sempre. Non si può lasciarli lì e far finta di nulla.. la polvere, per quanto aumenti con il passare degli anni, non li riempie mai.

    Sicuramente nella tua testa e nel tuo cuore c’era altro, ma grazie per avermi scatenato questi pensieri..

  5. Hey! Scrive:

    A volte ti manca un pezzo.
    Per me, proseguimento ideale di questo post.

Lascia un Commento

Bad Behavior has blocked 51 access attempts in the last 7 days.

Chiudi
Invia e-mail
Usiamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione nel nostro sito web.
Ok