Fidati!

13 dicembre 2006

Non sopporto non sopporto e non sopporto chi dice: “fìdati!”. Ma fidati di che? e perchè poi?

Quel fìdati trasforma in paternalistica predica un intero discorso, ti mette nella condizione di chi non sa un cacchio, di chi “poveretto ora gl’insegno tutto io”… è un modo di dire a mio avviso allucinante. E’ una specie di evidenziatore della banalità, una conclusione che sa di ovvio e di vuoto, oh insomma io proprio non lo reggo.

 

Eppure in parecchi lo usano…mi viene in mente qualche tempo fa, ad esempio, conobbi un tipo ed al primo appuntamento cominciammo a parlare “che fai nella vita” “che ti piace fare” ecc… e insomma a lui piace viaggiare e
sei mai stato a Parigi?” -no-
sei mai stato a Londra?” -no-
son belle, fidati!”

ed io già toglievo 2000 punti…poi vabbè lui riparte all’attacco
sei mai stato a Venezia?” -no-
sei mai stato a…” - guarda che io non viaggio non ho soldi lo so bene che queste città sono splendide… e lui, ottuso:
beh fai male, l’Italia è bella, fidati!”

 

Ora si capisce che mai più ho voluto rivederlo. Come si fa a dire: “l’Italia è bella, fidati?”.  Mi sembra una frase così imbecille da dirsi che al confronto “complimenti per la trasmissione” è innovativa come i brufoli che spuntano al mattino. Poi ci sono tanti altri esempi…uno più banale dell’altro, da mozzare il fiato… non so:
perchè non esci mai?” - perchè sono un tipo solitario -  ”avere amici è bello, fidati!” -
oppure anche  “hai visto il film x?” - no volevo vedere y - “vai a vedere x, fidati!”.

 

Mi incazzo da solo se penso a questi dialoghi. Meglio chiudere il post

Tags: , ,

Lascia un Commento

Bad Behavior has blocked 622 access attempts in the last 7 days.

Chiudi
Invia e-mail
Usiamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione nel nostro sito web.
Ok