il post assai sfizioso e potete credermi delle buste di plastica

28 giugno 2009

La gente fa le collezioni più strane e infatti uno faceva collezione di gomme da cancellare rosa (solo rosa perché quelle bianche le usava per cancellare quelle rosa invece sporcavano il foglio e così le collezionava ma dico io che le compri a fare rosa se non le usi? ah già le collezioni) e uno invece faceva collezione di 78giri anche se non aveva il lettore del 78giri (e io mi ricordo che mia nonna ce l’aveva solo che io come cantante conoscevo solo Heater Parisi e Romina Power e quindi non ho memorizzato i titoli) e uno invece faceva collezione di lattine di coca cola (però vuote, non piene, anche se piene secondo me era più bella e una volta trovai a terra una lattina vuota e gliela regalai e lui la mise sulla piramide di altre coca cola al terzo gradino e pensai che era una figata anche se ora penso che uso troppo le parentesi).

Invece la mia amica faceva collezione di sacchetti della spesa. Non è che li collezionasse, è che non riusciva a buttarli. Aveva un blocco. Una volta che andai a casa sua a mangiare un dolce (lei faceva i dolci ma non li mangiava e così li mangiavo io ed eravamo pertanto molto amici) aveva uno sportello aperto e dentro c’erano circa un assai di buste di plastica senza respiro, così dissi “uh quante buste di plastica” e lei cedette al terzo grado e mi svelò che proprio non poteva buttarle non riusciva e neanche le usava, però.

Va da sè che dopo questo segreto eravamo pertanto molto più amici. Il giorno dopo andai a mangiare il dolce, che tra parentesi era buono, e poi sentivamo anche la musica e magari parlavamo un po’ di questa cosa o di quella cosa oppure a volte anche di quest’altra cosa. Lei era innamoratissima di un gaglioffo che non ricambiava se non quelle rare volte in cui (beh non posso dirlo è un segreto) dicevo eravamo pertanto molto amici.

Un giorno andai a casa sua a mangiare un dolce e vidi la mia amica distrutta come un sacchetto di plastica bucato. Allora dissi “uh che succede” senza punto interrogativo e lei rispose che era venuto il papà a trovarla. E quindi mentre io mangiavo il dolce (ci tengo che si capisca che lo mangiavo solo io lei lo preparava solo e pertanto eravamo molto amici) lei aprì lo sportello ed era vuoto come il mio piattino!

Vuoto!

Allora lei disse che il papà era andato a trovarla e allora aveva bisogno di un martello (perché i papà hanno bisogno dei martelli mentre le mamme del glassex) e quindi aveva aperto lo sportello e aveva fatto con gli occhi così e aveva detto che ci fai con queste buste e lei aveva detto no beh ecco no insomma non so e così il papà aveva preso le buste e le aveva buttate tutte ma proprio tutte e lei siccome era debole l’aveva lasciato fare e inoltre il papà le pagava la telecom per cui.

Allora io mangiai l’altra fetta di torta e così con la mia presenza si consolò un poco, poi sentimmo la musica e poi me ne tornai a casa mia e penso che mi misi a leggere qualcosa, perché è la cosa più probabile che potevo fare, o forse sospiravo, forse quello.

Tags:

5 Commenti a “il post assai sfizioso e potete credermi delle buste di plastica”

  1. Kika23 Scrive:

    :(((

  2. oscar Scrive:

    ma le metteva alla rinfusa dentro all’armadietto, oppure riusciva a fare quella cosa che mi piace tanto e che non so fare di piegarle fino a farle diventare piccoli triangolini?
    e poi com’è finita con il gaglioffo?
    la torta era al cioccolata vero? io l’ho immaginata al cioccolato.

  3. Alex_Vr Scrive:

    E la morale è: “morto un sacchetto, se ne fa un altro”….
    ;-)

  4. il collettivo voci #3 » hermansji .:. Scrive:

    [...] contributo al Collettivo Voci di Fatacarabina, questa volta leggo un allegro post di Adamo Lanna (“il post assai sfizioso e potete credermi delle buste di plastica”). Trovate il mio contributo QUI!! .:. Autore: hermansji.:. - Resta aggiornato, iscriviti gratisal [...]

  5. il collettivo voci | ti racconto Scrive:

    [...] #3 Un altro mio piccolo contributo al Collettivo Voci di Fatacarabina, questa volta leggo un allegro post di Adamo Lanna (“il post assai sfizioso e potete credermi delle buste di plastica”). [...]

Lascia un Commento

Bad Behavior has blocked 79 access attempts in the last 7 days.

Chiudi
Invia e-mail
Usiamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione nel nostro sito web.
Ok