il post in cui mi lascio nevicare

28 novembre 2008

Per quanto incredibile possa sembrare, anche qui a Parma la neve è bianca.  I fiocchi sono scesi tutti immacolati dal cielo come un camion di Pampers oppure un vagone di talco mentolato. Ovviamente in assoluto silenzio, tant’è vero che quando ho aperto la finestra sono stato colto alla sprovvista e quasi morivo accecato dall’albedo.

Il vecchio con la vitiligine si è messo a spalare, più che per necessità per lo sfizio di usare la pala prima della sepoltura del cane, invece il gioielliere con le orecchie panoramiche ha chiuso la porta e si è messo a lavorare su una nuova cornice. Negozio sfigato. Suor Luisa ha rovesciato il pattume nell’indifferenziata e le mamme hanno sgridato i figli Matteiii e Niccoloiii come al solito. La neve era diventata già croccante e sono uscito a comprare il pane.

Da quando mangio pane e acqua (letteralmente) la panetteria è diventata come Santiago de Compostela. Nel senso che ci vanno tutte vecchie con le peggio malattie, sarà forse perché è adiacente alla farmacia chissà, certo è che c’è una vecchia che per fare dalla cassa alla porta quando esce trova già la muffa sul panino.

A me piace alzare gli occhi al cielo e prendermi i fiocchi di neve in faccia.

Prima non lo facevo spesso perché pensavo che poi la gente mi sfottesse, ma dal momento che nevica così raramente e che ormai ho una certa età, le occasioni non me le voglio lasciare sfuggire più, almeno quelle che riesco a cogliere, dico. Così, all’angolo di casa mia, un posto da film dossier se vogliamo, (quante virgole aiuto) ho fatto come Madonna sulla copertina di True Blue e mi son lasciato nevicare.

Il vecchio con la vitiligine era entrato nel portone, il gioielliere è sordo e quella troia di Jackie non si sente da un paio di giorni. Se qualcuno m’ha visto, non m’ha sfottuto. Se domani nevica un’altra volta, io lo rifaccio.

Tags:

6 Commenti a “il post in cui mi lascio nevicare”

  1. Scunchy Scrive:

    Uh che bella la neve…qua a Catania per vederne un pò si deve salire sull’Etna :-(

  2. bagley Scrive:

    Alcune frasi le ho dovute leggere due volte,le ho capite,lo penso.
    Io la neve cadere non l’ho mai vista,ci sono andato da piccolo sulla neve,me la ricordo sporca.
    A Napoli al massimo grandina e quando si accumula un po’ di ghiacchio ai lati della strada ci illudiamo che sia neve,la voglio seriamente rivedere.

  3. CCri Scrive:

    Bello (ma attento alla couperose)!

  4. Ra Scrive:

    Il silenzio con cui la neve avvolge ogni cosa… non dovremmo mai dimenticarlo per nessun motivo al mondo.
    Un bacio di passaggio (ebbene sì, esisto ancora :P) -Ra-

  5. S.B. Scrive:

    Secondo me anche quelli che sfottono sotto sotto cercano un posticino tranquillo per prendere la neve in faccia

  6. P!nkinside Scrive:

    Il paragone con la copertina di True blue è azzeccatissimissimo!
    Farsi le paranoie perchè la gente ti guarda mentre ti lasci nevicare non va affatto bene. Tutti dovremmo lasciarci nevicare senza paranoie.

Lascia un Commento

Bad Behavior has blocked 59 access attempts in the last 7 days.

Chiudi
Invia e-mail
Usiamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione nel nostro sito web.
Ok