Posts Tagged ‘pesca’

la pesca caduta

13 marzo 2007

Alla lavagna, uno studente risolve equazioni differenziali. Con i suoi gessetti azzurri le formule sulla lavagna assumono colori fluorescenti ed abbagliano la vista; cerchi ed ellissi danzano in uno specchio nero che riflette 20 occhi. Ecco un vapore ammorbante. Si solleva dal pavimento di cotto, rosa e denso come una spuma, qualcuno tossisce, mi vengono le lacrime agli occhi, le studentesse urlano e la stanza esplode.

Chi si risveglia si sveglia da solo e si sveglia altrove. E’ solo come mai è stato solo e può soltanto stare immobile nella sua impotenza. Non può muovere le braccia perchè non ha braccia, non può muovere le gambe perchè non ha gambe, non può piangere perchè non sa come si fa.

Può solo guardare il cielo, che si fa turchino ed intenso, fino a precipitargli addosso.

Le margherite sono sbocciate ed il cagnolino gioca con una bimba. I cardi e le ginestre colorano il bordo della strada, passa un camioncino con 2 contadini, e dalle cassette di legno una pesca rotola giù. Fa caldo e le nuvole sono lente e gonfie, ma bianche. La bimba si gratta il polpaccio e si accovaccia ad osservare le formiche che tornano a casa, poi una donna con un vestito a fiori la prende per mano e dice: “torniamo a casa”. Pure loro.

Bad Behavior has blocked 795 access attempts in the last 7 days.

Chiudi
Invia e-mail
Usiamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione nel nostro sito web.
Ok