Posts Tagged ‘telefilm’

il post in cui vi spiego la puntata del dottor house di ieri sera

12 gennaio 2009

Il Dottor House è un uomo capace di morire poi vivere poi morire poi vivere poi morire poi vivere. Quest’uomo è odioso dal vivo ma simpatico in televisione ed è in grado di capire se hai un gene mancante nel cromosoma 14 basandosi sul colore del tuo accappatoio. Il suo migliore amico, quello che un tempo diceva “capitàno mio capitàno”, è il più pappamolla della storia dei telefilm ed è l’amico che tutti noi non riusciremo mai ad avere.

Al lavoro, l’uomo che vive e poi muore ha 7 schiavetti, 4 maschi e tre femmine. Lo schiavetto pesante come il basalto e la schiavetta che gioca a fare il capo non sono consapevoli di essere alla mercè dell’uomo miracoloso, invece gli altri se ne sono fatti una ragione. C’è una sventola che a quanto pare non arriverà alla sesta serie, uno scarto di Scrubs, una Santa Maria Goretti e altri due amichetti che tralascio. Sono tutti simpatici e ovviamente grandissimi medici, peccato però che siano sì in grado di azzeccare esattamente le diagnosi del 99,9999% dei pazienti del mondo ma non dello 0,0001% che guarda caso sono proprio quelli che si trovano tra le mani.

L’unico personaggio veramente cazzuto in grado di tener testa al tenente Colombo del Policlinico era una specie di stronza impersonata da una attrice specializzata nei ruoli da zoccola col cuore d’oro (si veda la prima serie di Desperate Housewives). Le probabilità di morire nel modo in cui è morta Amber sono all’incirca le stesse di fare 6 al superenalotto giocando 5 numeri. Cosa volete farci, i telefilm sono telefilm, mica la vita reale. Perciò una fa uno starnuto e invece di bersi un tè caldo si imbottisce di pasticche e poi si va a sedere nel posto più sfigato nella storia dei servizi pubblici.

Dopo essere stata congelata come un merluzzo per una mezza giornata la supersfigata poveraccia viene scongelata e prima di passare l’eternità (truccata per benino e con la messinpiega) su un posto riservato agli invalidi e mutilati di guerra ha il tempo di svegliarsi e capire che non potrà mai sapere come va a finire Un Posto al Sole. Il suo amante la bacia (immagino che il di lei alito abbia il sapore di Tutankhamen) e poi si prepara a diventare acerrimo nemico del suo migliore amico, che nel frattempo risorge per la quinta volta. In ER un medico come si deve sarebbe morto.

*PS adoro il dottor House anche se sono incazzato perché hanno segato Amber.
**PPS già che ci siamo se volete vi spiego anche Lost, qui

La Perfidia Parade

3 agosto 2008

Estate, tempo di repliche no?
Perciò, direttamente dal tubo catodico, riecco a voi la Perfidia Parade!

Io confesso che i personaggi femminili perfidi e malefici mi sono sempre piaciuti in modo inverosimile, secondo me c’è un gene-gay vicino al gene-perfidia, perché ho notato che è una cosa comune a tante tante persone che ho conosciuto.

irizaPer questa selezione di pura perfidia, voglio cominciare ovviamente dalla perfida e crudele Iriza Legan, la vera protagonista di Candy Candy, altro che quella pupattola moscia di Annie! Godevo soprattutto quando Iriza faceva qualche crudeltà e le lampeggiavano gli occhi! C’erano anche altre perfide nei cartoni animati, per esempio la Contessa Du Barry in Lady Oscar, o la signorina Rottenmeier di Heidi, due superstar della perfidia!

diana

 Poi ovviamente c’è l’implacabile Diana dei Visitors, che mangiava topi e insetti senza batter ciglio. Inarrivabili i suoi battibecchi con la più “sensibile” Lydia, molto molto meno perfida. Io facevo il tifo per Diana e speravo che i Visitors si mangiassero tutti gli umani, ma vabbè pazienza. Eravamo nel 1984-85 e quei lucertoloni segnarono un’epoca televisiva.

Qui poi c’è il capolavoro della crudeltà cinematografica, la spietata Marchesa di Glenn Close nelle Relazioni Pericolose. Quell’anno l’Oscar però lo vinse la sciapita Cher di Stregata dalla Luna, ma era anno di elezioni presidenziali e c’era la Dukakis nel suo film che doveva vincere, e si trascinò pure Cher. Comunque Glenn Close è l’idolo assoluto (assieme a Meryl Streep che ve lo dico a fare) e non ho messo Attrazione Fatale solo perchè sennò diventava un post a senso unico. Che film e quant’era brava… già 20 anni sono passati! A parte che Glenn Close va bene in qualsiasi classifica,  come Crudelia Demon, anni dopo, si sarà divertita un sacco e poi diciamolo, il film andava visto solo per lei, mica per altro…

Kimberlin_Brown

Con gli anni ‘90 la palma della più perfida va senz’altro a Sheila Carter, una maniaca che movimentò un po’ quel polpettone micidiale che è Beautiful. Senza Sheila o guardavi Beautiful o guardavi Elisir era la stessa cosa: uno fa venire la colite e l’altro ti dice perchè ce l’hai. Comunque le apparizioni di Sheila dietro alle porte a spiare sono degne del miglior Bob il Killer. La Carter è degna erede dell’incredibile crudeltà di Alexis in Dynasty, la supercattiva degli anni ‘80.

 

sherry

Con un bel balzo in avanti eccomi all’idolo di 24, altro che JackBauer, tsè, altro che il babbacione del presidente Palmer: triplo hurrah per Sherry, la first lady che fa sembrare Condoleeza Rice una smorfiosetta! Di 24 c’è ancora chi non ha visto le ultime torture, puntate, perciò non svelo niente di niente eccetto che senza Sherry Palmer è come guardare chessò, una puntata di Forum senza sentire il giudice Santi Licheri che si incazza, diciamo.

 

breeBree è la casalinga disperata così perfetta e così sempre in ordine da far impallidire la categoria degli ossessivi-compulsivi. Io veramente facevo il tifo per la più puttanella Longoria, ma effettivamente la velenosa Bree ha delle trovate da top ten della perfidia!

 

 

gwynactor

Ecco scovata qui l’irrinunciabile Gwyneth di Quando si Ama, la trash soapopera anni ‘80 che ha tanto insegnato a tutte le veline di questo mondo. Gwyneth aveva una doppiatrice ugualmente perfida, e leggendari furono i suoi battibecchi con la “Cara Ann”.

 

 

atiaInfine, la matrona di Roma, Atia, che è stata una vera superstar di quella splendida serie tv. Peccato che sia durata solo 20 episodi perchè meritava. Atia è una perfida al punto da vendere la figlia , ma il finale della seconda serie è tutto per lei, una scena capolavoro che guai a voi se ve la siete persa!

 

E poi citiamo almeno la classica cattiveria di Bette Davis, memorabile Baby Jane; la spietata Barbara Stanwyck di Uccelli di Rovo, la lugubre Morticia, Amanda di Melrose Place, la velenosa Karen di Will and Grace, la superwoman Anna Espinoza di Alias, la calcolatrice Greta Scacchi di PresuntoInnocente, l’algida Louise Fletcher del nido del cuculo, Kathy Bates in Misery e tante, tante altre ancora: chi ricordate voi?

il post in cui vi svelo come va a finire Lost

28 luglio 2008

Attenzione!! di seguito è svelata tutta la trama delle 6 serie di Lost!

Allora praticamente Lost è quel verosimile telefilm in cui

  • prima serie

un aereo “paf” si spezza metà e metà e sopravvivono una cinquantina di persone tra cui le loro valigie piene zeppe di medicinali, bottiglie di liquore che non si sono rotte, pacchi di riviste miracolosamente scampate all’acqua di mare, un dottore specializzato in 15chirurgie diverse, e insomma un sacco di gente tra cui un cane bianco per un bimbo nero dai poteri magici. l’isola è maledetta e c’è una botola che scoppia in bocca a un prof di scienze e così in giro ci sono pure meno precari.

  • seconda serie

peccato però che in quest’isola così piccola che in 2 giorni la giri tutta ma così grande che una francese che ci campa da 16 anni conosce solo l’orticello di casa siano sopravvissuti anche altri 7 sfigati, così sfigati che i produttori li accoppano tutti tranne il dentista che serve come riempitivo per una puntata. Qui ci sono dei loft molto fashion con tutto l’archivio di Isoradio dentro nonché un computer che bisogna usare ogni 180 minuti. Però se non lo usi è uguale, tanto ogni cosa che distrugge l’isola in realtà non serve a niente. Comunque manco in questa serie Kate la dà e la cosa che più vorresti fare è prendere Michael a cazzotti, ma non una bensì 100 volte.

  • terza serie

qui le cose si fanno interessanti perché c’è una dottoressa che prima è cattiva, poi buona, poi cattiva, poi buona, poi cattiva, poi buona, poi cattiva, poi buona. Dimenticavo c’è anche un raduno di veggenti, poi spuntano pure due truffatori mai visti prima che finiscono sotto terra alla Hitchcock, mentre la gente continua a morire e a resuscitare peggio di Beautiful. Per qualche strano motivo, inoltre, più Locke fa stronzate più ci si affeziona a lui, mentre Sayid, che aveva rotto i maroni per la morte dell’amata Shannon, neanche due giorni e già se l’è scordata. A proposito Sayid che nella prima serie non sa una parola di francese poi  nella terza si scopre che ha fatto il cuoco a Parigi, per dire.

  • quarta serie

insomma in sei si salvano, ma non sono sei ma sette, anzi no otto, anzi no nove, anzi no cinque, anzi no si sono salvati nel 1996 ma non nel 2004, o forse sì? beh comunque l’isola appare e scompare e siccome c’è stato lo sciopero degli sceneggiatori la serie dura meno perciò anche questo paragrafo dura di meno

  • quinta serie

la serie prevede 16 puntate dedicate esclusivamente ai piedi di Richard Alpert, che sarebbe il tipo con le sopracciglia più folte mai viste, e che ancora nessuno sa se abbia 20 o 220 anni. Però se ha 4 dita dei piedi vuol dire che è lui quello della statua misteriosa e allora ha 220 anni e quindi si spiega tutto. Ovviamente il papà di Jack si scopre che è anche il padre di Kate, Sawyer, Michael, Jin e forse pure Rose. Pare che le puntate più belle saranno ambientate nell’aldilà, ma tanto il meglio viene nella

  • sesta e ultima serie

che poi è quella in cui gli sceneggiatori dovranno sparare una cazzata così grande ma così grande che sennò tutti resteranno delusissimi. Allora loro si impegneranno, ma tanto tutti resteranno delusissimi uguale e direbbero: “ah! la prima serie era la più bella!” se non fosse che per allora tutti saranno già fan di un telefilm più nuovo e più figo.

Bad Behavior has blocked 68 access attempts in the last 7 days.

Chiudi
Invia e-mail
Usiamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza di navigazione nel nostro sito web.
Ok